IL VALORE DEI CLASSICI
 
   


La storia della civiltà è una faticosa conquista alla quale concorrono non solo i fatti materiali, gli strumenti tecnici e le innovazioni scientifiche, ma anche i fatti di cultura, i movimenti religiosi e le invenzioni artistiche. Anche l’arte e la cultura contribuiscono al progresso della civiltà. Anche i classici si fondono su questa linea quando promuovono sensibilità, gusto e senso della bellezza la loro lettura è utile allo sviluppo della sensibilità umana e quindi della stessa civiltà. Nessuno può negare il valore di opere fondamentali come l’Iliade e l’Odissea di Omero, la Divina Commedia di Dante, il Don Chisciotte di Cervantes, i Promessi Sposi di Manzoni, Guerra e Pace di Tolstoi, la Critica della Ragion Pura di Kant, la Fenomenologia dello Spirito di Hegel, i Dialoghi di Platone, la Metafisica di Aristotele, le Lettere a Lucilio di Seneca, le Confessioni di S.Agostino, la Summa Teologica di S.Tommaso, il Contratto Sociale di Rousseau ecc.
Tutto questo patrimonio culturale non è un semplice abbellimento dell’umanità, ma la stessa essenza dell’esistenza dell’uomo il quale si è civilizzato anche attraverso le sue forme letterarie e artistiche.Queste ultime sono quindi elementi indispensabili del vivere civile e fanno male coloro che non vogliono prendere atto di questa grande verità.
La vita dell’uomo è breve, ma può arricchirsi a contatto con tutti gli elementi della civilizzazione,di cui appunto la cultura ed i classici costituiscono il motore principale.



 
 
 

Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>