GIACOMO LEOPARDI
IL MAGGIOR POETA LIRICO DELL’ITALIA
 
   


Leopardi è il maggior poeta lirico dell’Italia nell’ottocento, e la sua opera sì colloca, accanto a quelle di Keats, di Baudelaire, di Holderlin, tra le voci più alte della moderna lirica europea.
La sua esperienza poetica nasce da una situazione culturale assai complessa,che, mentre accoglie e approfondisce in termini di assoluta purezza e di strenua lucidità intellettuale e formale i momenti più intensi della sensibilità romantica (la disperata solitudine dell’uomo, la smaniosa rivolta contro il destino, il fastidio della mediocre prosa dell’esistenza quotidiana, l’acuto sentimento del nulla e del vuoto della vita), al tempo stesso ne rifiuta le proposte di soluzione più facili, fideistiche e ottimistiche, assume un atteggiamento non rassegnato, ma polemico, proclama il dovere di riconoscere coraggiosamente la dura, maligna, implacabile crudeltà delle cose. Richiamandosi ai presupposti della filosofia materialistica del Settecento, Leopardi ne ricava una concezione sconsolata, deserta di illusioni e prima di speranze: una forza matrigna regola il mondo, una legge meramente fisica di riproduzione e distruzione incessante,”persecutrice e nemica mortale di tutti gli individui d’ogni genere e specie” : ad essa gli uomini possono reagire soltanto, non illudendosi, non rifiutandosi di guardare in faccia la realtà, bensì accettandola eroicamente, confederandosi in una rivolta comune contro il destino cieco, ritrovando nella dissoluzione di tutte le fedi la superstite necessità di un sentimento di solidarietà e di pietà vicendevole.
Il suo messaggio è insieme desolato e ricco di una prorompente vitalità, amaro e stimolante pessimistico e rivoluzionario. Il lamento nostalgico di un paradiso di perduta felicità, che egli ha in comune con gli altri lirici del tempo, si nutre in lui di una sostanza generosa di propositi eroici, di terrestri virtù.

 
 
 

Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>