CULTURA E COSCIENZA POLITICA
 
   

 

A cura di Nicola Costantino


“UN POPOLO SENZA CULTURA E’ UN POPOLO SENZA FUTURO ED IL FUTURO DEL POPOLO NON STA NELL’AFFERMAZIONE DELLA SUA POTENZA MA NEL LIVELLO DI CIVILTA’ DEI SUOI CITTADINI”.

Lo sviluppo della più alta cultura è uno dei tanti fini che non dobbiamo perdere di vista, ma non è propriamente il fine che dobbiamo proporci, e che si riduce a rendere il popolo chiaramente, vigorosamente, consapevole di se stesso e delle circostanze in cui vive.
Un popolo, che si governi da sé, non presume di risolvere, caso per caso alla spiccia e semplicisticamente, i problemi politici, che sono i più complicati e i più difficili tra quanti ce ne presenti la vita. Vuole, senza incertezze, senza preoccupazioni meschine, una sola cosa: la propria grandezza. E la realizza, dandosi quelle istituzioni che gli convengono, e mettendovi a capo” quegli uomini” che riconosce come i rappresentanti più schietti, più consapevoli, e più energici della propria volontà. Scelti che li abbia, lascia loro la cura di adempiere l’alto ufficio di cui li ha incaricati; sorvegliandoli, ma senza impacciarli con un sindacato minuzioso, di cui tanto più si riconosce incapace, quanto più si conosce capace della direttiva suprema; e senza pretendere di sostituirvisi. Quanto agli uomini rappresentativi, atti a operare davvero per il popolo (non soltanto in suo nome), non importa e non è possibile, che abbiano tutte le cognizioni di cui dovranno valersi, perché se furono scelti a dovere, sapranno alla loro volta ricorrere ai dotti, dell’opera dei quali avessero bisogno. Un governante, perché sappia giovarsi della dottrina, deve essere buono come governante se avrà coscienza vigorosa di ciò di che il paese ha bisogno, e se avrà la sicurezza che il paese lo seguirà purché egli sappia capitanarlo. Ma perché un paese abbia di tali governanti, bisogna che se li sappia scegliere; bisogna, e basta, che abbia quella coscienza chiara e vigorosa di sé, nella quale abbiamo riconosciuta la condizione sine qua non, perché un popolo viva di vita prospera e propria, sia padrone di sé stesso e dei suoi destini, sia o diventi grande.

 




 
 
 

Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>