:: POESIE ::


         
     
Il poeta oggi
   

Compito del poeta, oggi, sarebbe quello di assumere una posizione sociale; viceversa egli sembra entrato nel limbo della solitudine, che si configura come facile rigurgito di posizioni idealistiche e neo-realistiche, forse per la mastodontica espansione demografica delle stirpi di poesia.Ma il dilemma che il nostro secolo dovrebbe affrontare è quello di saper scegliere fra poesia come salvezza(cioè una salvezza che dovrebbe scaturire dalla poesia) o poesia salvezza in se stessa. Non vi è dubbio che l’opera letteraria (poetica specialmente) è sempre simbolica, mentre il gruppo sociale ne è il parametro. Ma ormai la nostra società sopravvive a se stessa.


Distrutti tutti i valori, la dimensione della poesia fa suo uno di quei tanti valori di crisi, dentro i quali bisogna vedere se vi siano i segni di una svolta o di una alternativa. Forse un segno può venire dal recupero della religione. Tanto il gruppo sociale secondario (la società in senso lato) dimostrano una certa tendenza a uscire dall’edonismo e a rientrare nei canoni della religione, quindi di una morale superiore.
E’ probabile cioè il ritorno a qualche nuova forma di idealismo, mentre è certa la prospettiva fluttuante sotto un orizzonte di attesa.
Il processo di decadimento raggiungerà il massimo di corruzione ( in una società civile profondamente corrotta in ogni sua manifestazione concernente morale, economia, sport, finanza e via dicendo) per arrivare a un bivio di scelta. Il momento attuale è ricco di fermenti e poiché per poesia intendiamo il gesto poetico come prodotto del gruppo sociale in crisi, sarà questo lo strumento per il nuovo idealismo.
La poesia è un prodotto del gruppo sociale, il poeta è l’espressione codificata del gruppo ma è nel contempo il prodotto del gruppo stesso.
L’opera d’arte non può essere avulsa dall’ambiente in cui è nata; si tratta di cogliere il momento collettivo. Si ha poesia solo quando si fronteggia la poesia.

La posizione del poeta nell’ambito sociale è subordinata ai valori, ai fondamenti delle strutture, i valori non sono quindi intesi come fatti etici bensì come fatti sociali. I valori individuano la vita dei gruppi sociali primari e secondari. Religione, arte, scienza, filosofia sono i materiali fluttuanti in base ai quali si formano i valori dei gruppi sociali. Ma la poesia è, a sua volta, formatrice di valori. Al decadere della poesia corrisponde il degradarsi del “ gruppo sociale”. Salvezza dalla poesia si identifica quindi con la capacità della poesia di progredire nella formazione dei valori.
Le infinite strade della nostra poesia dipendono dal fatto che il poeta è lo strumento di comunicazione tra i valori poetici e i valori prodotti dal “ gruppo sociale”. Il poeta crea, il materiale che il gruppo sociale gli mette a disposizione. Di questo dovrebbero tener conto i politici: capire finalmente l’importanza di una dimensione culturale per troppo tempo negletta e sottovalutata, La Presidenza del Consiglio dei Ministri, in un momento tanto difficile per l’economia italiana, dovrà pur valutare l’importanza del lavoro poetico se vorrà impedire che il nostro sia un secolo senza storia.

E devo affermare che l’“Associazione dei Critici Letterari Italiani” e il “Centro Studi di Poesia e di storia delle poetiche” stanno portando avanti, ormai da oltre venti anni, un discorso che la rivista “Crisi e Letteratura” ha chiaramente messo in evidenza attraverso la pubblicazione degli atti dei novantacinque congressi e convegni tenuti in varie città d’Italia.
Ma i tempi muteranno; il buio del passato sarà sconfitto dalla luce della verità: ed allora la poesia si troverà ad essere non più la cenerentola ma il massimo fermentatore per la ripresa morale e sociale della nostra Nazione. I poeti risolvono più problemi di quante soluzioni si trovino in Wittgenstein.

LINGUAGGIO POETICO


La poesia è la forma più autentica di liberazione: è il grande linguaggio della comunicazione dell’Eros che stimola e arricchisce l’umanità e ristabilisce i contatti tra l’umano e il divino.Platone stesso fu uno straordinario poeta. La forma dialogica delle sue opere, la sua ironia la costruzione di miti cui fece ricorso per esprimere la sua dottrina filosofica, mostrano già la poeticità della sua produzione e affidano alla poesia il compito di svelare i segreti dell’uomo e della natura, anche dentro la caverna del mondo, quando la luce diventa fioca e le speranze e le illusioni riemergono dall’oscurità

 


 
 
       


















Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>