:: POESIE ::


         
     
TERRA LONTANA
 

 

 

 

Seduto con la testa tra le mani
bevo il mio calice con profonde ferite
nell’antico portico arcuato sotto il cielo
grigio di pallidi veli ammuffiti.
Mille sono i segni di quest’età lacerata
che mi rimanda alla natura in fiore
nell’aspro disegno dei desideri rivisti
sullo schermo cupo delle ombre fitte.
Mi rigiro lento e rivedo nitido
quel fanciullo al Monte dei Saraceni, e il boscaiolo
che a colpi d’ascia fendeva il tronco brulicante
e schiacciava le ciglia inondate di sudore.
Un’ombra più nera s’avvicina e cerca
nel profondo i teneri pensieri di quella pubertà
dorata quando violento il mare avanzava
sulle rocce di Patti e faceva svaporare lo sgomento.
Sui piedi ardenti dei Nebrodi cessava la cicala
di frinire mentre luccicava l’uva nei vigneti
inebriati dal sole stagnante dell’estate incandescente
che non aveva confini nelle visioni ascetiche.
Scotendo la testa chiudo le persiane
ormai al tramonto.


 





 

 
 
       


















Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>