:: POESIE ::


         
     
IL MITO RITROVATO
 

 

 

 


Il corpo nasconde bellamente l’anima,
disse Zeus all’inizio per distogliere
dall’apparenza delle forme lo sguardo
e puntarlo sull’integra sostanza.

Avveniva che l’esteriore dominasse
l’interiore ricchezza al momento finale
e ingombrasse con spesso velo gli occhi
e il cuore del giudice supremo.

Nudi al cospetto della Ragione,
da morti e non da viventi confusi
in apparati sensibili alle impressioni,
gli uomini vie diverse prendono.

Nelle Isole dei Beati gli uni,
nel Tartaro gli altri dimorano
giustamente quando l’infallibile Destino
non è schiavo dei mistificanti maneggi.

Siamo immersi nella putrida caverna
dove incontrastato domina il fluire
del tempo coperto da orci forati
e da uccelli di borro in evacuazione.

L’anima è però misura che trascende
ogni luridume e sovrapposizione di apparati
nell’ordinato mondo dell’intrinseco potere
del Bene fatalmente debitore del Giusto.


 





 

 
 
       


















Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>