:: POESIE ::


         
     
LEMBI DI CIELO
 

 

 

 

Se una stella trattiene il respiro
all’incedere della notte
e la sua frangia di seta
guizza alle schegge della luna,
fermare il sogno
vuol dire restar nel tempo che non è più,
anche se infida è la via che ci attende
dove polvere gioca
coi balzi del vento
e rovi che pungono la vita,
dove si paventano orme sopraffatte,
agonia di lembi di cielo,
rumore di strumenti stonati.
Dirupano petrose memorie
in fragori di slavine su valli offese
e si balla lo stanco valzer del rimpianto
su frantumate zolle di campo
di quando il giorno odorava di sole
e si fiutavano nel vento
profumi arsi di stoppie
che predivano tozzi di sudato pane.


 


 





 

 
 
       


















Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>