:: POESIE ::


         
     
Alternanza d'infinito
   

Muta l’acqua nelle mani ispide
che l’accarezzano alla fonte.

Quello che resta è un brivido veloce.

La tracotanza è un labile fluire
nel corpo attraversato da scosse evanescenti
come il pigolio del passero
che non suscita armonia
nella vallata fertile di suoni.

Tutta l’estate è qui
su questo poggio di pioppi mansueti e forti
che trattengono lo stridere del vento
e contengono voci inusitate
nella sottile alternanza d’infinito.

 
 
       
















Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti se non autorizzati - Bedlam Design Carrara >>